Il Mago M. di René Barjavel

Genere: Fantasy – Storico
Editore: L’Orma
Pagine: 405

Il Mago M. di René Barjavel, romanzo autoconclusivo, rivisitazione del ciclo arturiano. L’Orma Editore inizia la pubblicazione in Italia di uno dei più rappresentativi autori del fantastico francese (Luglio 2019). Entro la fine del 2020 è prevista la pubblicazione di altri due famosi romanzi dell’autore, “La notte dei Tempi” e “Sfacelo”, storie non collegate a questo titolo.

“Ci sono storie che una civiltà non smette mai di raccontarsi. Saghe e miti che paiono nati assieme al desiderio stesso di narrare. A questo serbatoio dell’umana fantasia appartiene di certo la «materia di Bretagna», il ciclo di avventure che racchiude le imprese di re Artù e dei cavalieri della Tavola Rotonda. Prendendo avvio dalla figura del grande mago Merlino, René Barjavel raccoglie il testimone di questa tradizione secolare per trasportarci in un mondo di strabiliante inventiva. L’ingenuo Parsifal, il bel Lancillotto, il portentoso Galvano, il gigantesco Galeotto e altri prodi eroi errano alla ricerca del sacro Graal, mentre tra paesaggi incantati e castelli misteriosi si compie l’eterno sortilegio dell’amore, e ardono irresistibili le passioni della regina Ginevra, della magnifica Viviana, della potente Morgana e delle altre affascinanti dame di Camelot. Il piacere puro della lettura pervade le pagine di questo romanzo dove trame meravigliose si intrecciano con la grazia di un merletto per creare un universo immaginifico sospeso tra sogno e realtà”.

Tra spade, guerre, incantesimi, macchinazioni e combattimenti, la penna dell’autore ci racconta in modo fluido, poetico, eroico e a tratti anche umoristico tutte le vicende della tavola rotonda, e per farlo utilizza il personaggio di Merlino, punta di diamante di tutto il ciclo Arturiano. Affascinante, mistico, misterioso e soprattutto umano, non si può non innamorarsi del mago Merlino. Camuffato da cervo, da boscaiolo, da cavaliere o da bel giovane, Merlino ci narra, come dice lo stesso autore, tutti quegli affluenti che rimpolpano quel fiume in piena che è il mito Britannico: la storia del Re Pescatore, la forza al mezzodì di Galvano, la continua caccia di Parsifal, l’amore tra Ginevra e Lancillotto, a guerra tra i regni, il coraggio di Artù, l’invidia di Morgana, la bontà di cuore della Dama del Lago e soprattutto la ricerca del Sacro Graal. Perche quando si parla di re Artù, non si può non parlare di Fede e di Dio, argomenti intrinsechi nel ciclo Arturiano, che vanno di pari passo con la guerra e il codice cavalleresco e che in queste pagine vengono trattati come la religione è l’essere cristiani è: non una serie di dogmi o di cose da fare o da non fare per conquistarsi il paradiso o schivarsi il fuoco dell’inferno, ma un avventura, dalla A maiuscola come sottolineato più volte nel romanzo, da vivere giorno dopo giorno, con la consapevolezza che la verità, l’amore e la vita sono grandi, ma la misericordia di Dio lo è di più.

Sebbene il libro sia datato, 1984, Il Mago M. resta una delle migliori rivisitazioni, in chiave moderna, del ciclo arturiano. Davvero incantevole, consiglio la lettura a quelli che come me amano il genere Fantasy, con una passione sfrenata per miti, leggende e folklore, agli amanti dei romanzi Storici/Cavallereschi e a TUTTI quelli che si sono sempre sentiti attratti da questo ciclo ma non l’hanno mai intrapreso, decidetevi!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: