Recensione – Il Cuore di Pietra di Antonello Venditti

Genere: Fantasy
Serie: “Le Mutazioni”
Editore: Dark Zone
Pagine: 325

Il Cuore di Pietra è il secondo volume della serie Fantasy, Le Mutazioni, scritta da Antonello Venditti edita Dark Zone. La Serie comprende; Lo Scrigno Cremisi (2019), Il Cuore di Pietra (2020) e un terzo volume.

“In una terra che ricorda il potere degli dei, in un’epoca impregnata di superstizioni, oltre la nebbia rossa che copre la Città Torre, lo Scrigno Cremisi cova il suo male generando sogni fasulli e dominando le menti dei vicini. La famiglia di Barhal si è ormai disgregata e ognuno ha seguito la sua strada e il suo destino. Nel Covo dei briganti giungono novità riguardo a un oggetto desiderato da molti: il Cuore di Pietra. La leggenda di un esercito che proviene dal mare sembra prendere vita attraverso quel mistico talismano che può generarlo per combattere contro lo Scrigno. A Galash si svela l’identità del mostro e molti altri personaggi incontrano creature fantastiche e assistono a prodigi sfuggendo a pericoli mortali. Kabian è fra questi e seguirà il suo cammino per avere le risposte che agogna da tempo. Il genere umano rischia di restare dominato da un male oscuro e sono in pochi a conoscere e cercare un rimedio. Tra questi la sorellina di Kabian, Sitya, che verrà a sapere di segreti nascosti agli occhi di molti. La lotta per la salvezza dell’umanità porterà vecchi e nuovi protagonisti alla prova più grande: misurare la forza del proprio cuore”.

“Io devo tutto, anche la vita. Io sono la persona adatta a custodire. Non temo la spada perché porta il sangue di Claurion. La Custodia non è un ordine ma un desiderio. Prometto solennemente che terrò Rachresth lontano da chiunque voglia brandirla, anche da me stesso. Prometto di custodirla finché sarò in vita. Prometto che faranno lo stesso i miei figli e i loro discendenti”. 

Il Cuore di Pietra è il secondo libro di una trilogia che mi fa dimenticare tutto ciò che solitamente si pensa dei secondi capitoli delle serie. Nella stra grande maggioranza dei casi è un libro da “perdonare” per la situazione di stallo della storia, dove vengono sviluppati un po’ più i personaggi secondari, qualcosa sull’ambientazione, tutti i macchinamenti e gli incastri per farci salire l’hype verso il gran finale. Ma non è stato il caso di questo volume, ancora più bello e avvincente de “Lo Scrigno Cremisi” che ho amato alla follia; partiamo da un esplosivo prologo intriso di magia e creature fantastiche, veniamo introdotti a nuovi personaggi, luoghi, ambientazioni e senza fretta riprendiamo da dove avevamo lasciato il nostro Kabian nel capitolo precedente. La storia presenta principalmente tre filoni narrativi; il regno di Galash che raduna le forze sotto l’orribile creatura, Dagor servo della Dea Lupo, intento a recuperare la sua vecchia spada Rachresth con la quale attuare i piani stabiliti dalla Dea. Il regno di Rodash, dove la popolazione viene oppressa dal dio-re, divintà del male, che tramite i suoi parassiti, i Concilianti, soggioga le persone rendendole inetti al suo servizio. I due regni sono pronti a scontrarsi in un epica battaglia capeggiati da due divinità o meglio false divinità che vogliono dominare Haradyr. Mentre si infuocano e si riempono i cuori dei regni pronti alla battaglia, il nostro Kabian procede il suo viaggio a dorso del suo cervallo verde, verso quello che sarà il suo incredibile destino.

Questo secondo romanzo, rispetto al primo ha uno stampo più maturo, più EPICO! Sarà l’influenza dell’aver illustrato grandi saghe Epic Fantasy, scherzo, ma ho avuto la conferma che Antonello possiede un grande dono; sia per l’arte che per la scrittura. Con questo capitolo ha dimostrato di non avere nulla da invidiare a grandi nomi del Fantasy mondiale, sono ripetitivo lo so…… è EPICO. Ho percepito molte affinità, non come contenuti, ma come trasmissione di emozioni provate con autori del calibro di Jordan, Sanderson, Goodkind ecc… Senza sbilanciarmi o inutili sviolinate, Antonello lo sa, il suo livello di scrittura è davvero invidiabile. Complimenti, complimenti e ancora complimenti. L’ambientazione è, come spesso accade, ciò che colpisce maggiormente ed è una tra le più affascinanti: le bellissime ed accurate descrizioni, tra un passaggio e l’altro della storia, sono la chiave che permette al lettore di entrare, pagina dopo pagina, nella storia ed esserne completamente travolto (fortunatamente ho avuto sempre a portata di mano la MAXI mappa di Haradyr, altrimenti mi sarei perso). Il mondo creato e la destrezza con viene raccontato, dipinto mi ha completamente catturato, annullando la realtà per la fantasia narrata. Come per l’ambientazione anche tutti i personaggi, vecchi e nuovi sono presentati secondo un tratteggio caratteriale eccellente, caratterizzati fin nei minimi dettagli tanto da poterli quasi toccare, tanto da desiderare di averli accanto e affrontare con loro questa emozionante avventura. La magia che questo romanzo racchiude, le svariate creature e le scene epiche di battaglia sono già chiaramente impresse nella mia mente. Bravo Antonello, sei riuscito a stupirmi nuovamente e aumentare ulteriormente le aspettative per questa saga. Quando avrai concluso i tuoi romanzi ESIGO un bestiario che racchiuda tutte le creature narrate, sono già descritte nel romanzo alla perfezione, ma da amante delle creature fantastiche e con il tuo dono, è d’obbligo. Magari qualche mappa in più, i personaggi, i luoghi, fotogrammi di qualche scena…… insomma illustra il tuo romanzo, sarebbe meraviglioso (faticoso e impegnativo, lo so) ma la serie de “Le Mutazioni” ne guadagnerebbe tantissimo.

Confermo quello che ho detto a fine lettura del primo volume; non passerai inosservato i tuoi doni combinati, arte e scrittura, sono davvero preziosi e valore aggiuntivo alle tue storie. Magia, mistero e azioni mozzafiato. Una storia che ammalia il lettore e lo vincola al libro e non lo lascia più libero di pensare ad altro. Sono emozionato, di scoprire quanto ancora hanno da dire e far sentire i tuoi personaggi; un secondo capitolo eccellente, mi aspetto un finale di storia ricco e IMPORTANTE, nel mio cuore si sta espandendo a macchia d’olio l’affetto per te e per la Terra di Haradyr.  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: