Recensione – Primordia. L’Ascesa di J.A. Wingdale

Genere: Fantasy
Serie: “Primordia”
Editore: Independently published
Pagine: 278

Primordia. L’Ascesa è il primo volume di una serie High Fantasy scritta da J. A. Wingdale

“Sono passati trent’anni da quando Venohr ha distrutto l’Alleanza e il mondo non ha ancora smesso di bruciare. Ombre calpestano la terra, sussurrano nel buio, trasformano la carne. E gridano. Fendra lo sa bene, è per questo che si è arruolata ad Asterya. Per combattere i mostri. Ma essere un Aster non basterà a proteggerla dal dolore, perché l’oscurità si nasconde nei luoghi più impensati. Inizierà così un viaggio pericoloso al fianco dei compagni di una vita e imparerà che la verità è questione di punti di vista. Tra combattimenti e incantesimi, creature e trafficanti di magia nera, Fendra scoprirà che non tutto è come sembra e che non tutti possono essere salvati. Primordia non è più un luogo sicuro. Combatterai con Asterya o cadrai preda delle ombre?”

<<Oh! Non credevo fosse possibile, insomma, voglio dire…>> <<Da quando vivo ad Asterya, ho rivalutato la mia idea di impossibile.>> <<L’hai sempre fatto, Fendra. Per te l’impossibile è sempre stato solo una sfida.>>

Questo primo romanzo ci catapulta subito nel bel mezzo dell’azione in vero stile Gioco di Ruolo Fantasy dove sono presenti le differenti classi; mago, guaritore, guerriero ecc… Ognuno con la sua arma e il suo tipo di attacco combatte contro mostri a non finire. I diversi personaggi hanno abilità proprie, indispensabili le une per gli altri, come in una vera squadra un “party”. Facciamo così la conoscenza della nostra protagonista; Fendra, una Aster che si prepara all’Accademia per diventare guerriero. Drewan un arciere e William il secondogenito del re. Asterya è ormai da anni un regno pacifico, il più protetto in tutta Primordia, ma le barriere difensive cominciano a cedere permettendo all’oscurità di intrufolarsi tra le mura. Proprio durante una festa per celebrare la forza e l’indipendenza di Asterya, dall’oscurità giunge un attacco da parte di devastanti mostri, le Dhrek Morhn. Queste orrende creature sono il frutto dell’utilizzo di magia nera proveniente da pietre nere utilizzate da stregoni provenienti dal regno di Venhor. Questo regno è pieno di pietre nere estratte dalle miniere e usate dagli stregoni a proprio vantaggio per creare il proprio esercito d’oscurità, contagiando in primis loro stessi ma anche tutta la popolazione. Durante un attacco da parte di questi mostri la madre di Fendra rimane ferita e contagiata, in mancanza di frammenti neri a disposizione, utilizzati proprio come antidoto all’oscurità, la madre muore. La ragazza cade in uno stato catatonico, incapace di reagire a qualsiasi stimolo esterno, le viene proposta una difficile impresa, tramite uno dei pochi frammenti di pietra rimasti risalire alla fonte della sua produzione e all’oscurità che si nasconde dietro tutto. Sarà in grado Fendra di lottare contro l’oscurità che si diffonde e dilaga in tutta Primordia?! Ogni volta, a mio parere, quello che fa la differenza in un buon romanzo Fantasy sono le descrizioni e l’accuratezza con le quali si fanno; senza pesantezza o prolissità ma il giusto in modo da potersi immedesimare e toccare con mano; ambientazione, luoghi, personaggi, creature e magia. L’autrice è stata molto brava in questo; nella caratterizzazione dei personaggi, decisamente non scontati e ben assortiti, adoro Fendra e la sua caparbietà. L’ambientazione sia nel descrivere vasti luoghi aperti che in spazzi ristretti è decisamente ottima; l’Accademia ad esempio, ho avuto la percezione di toccare la pietra, gli archi e le finestre che mi venivano descritte. Lo stile è semplice, come accennavo prima, da vero gioco di ruolo, una trama e una narrazione pratica e veloce, mai pesante e ricca di azione. I combattimenti descritti nel dettaglio proprio come gli spostamenti di una pedina sul tabellone da gioco. La magia è accattivante; quest’oscurità, questo male che come un morbo dilaga e divora tutta Primordia, popolazione compresa. E le creature, come sapete sono sempre il mio punto debole…. Fantastiche. Un libro che difficilmente si riesce a posare una volta iniziato, il mondo attorno si arresta e vieni inglobato nella storia.

Sono assolutamente soddisfatto, consigliato a tutti gli appassionati del Fantasy, ma anche delle belle storie ricche di azione. Ora sono in attesa del seguito; sono tutti cavoli tuoi Giulia, mi aspetto un secondo capitolo di un livello ancora superiore. Grazie per questa lettura molto GDR, la meravigliosa copertina, la stupenda mappa e tutto il giga lavoro di editing che hai fatto e stai facendo per il tuo romanzo, ho guardato giorno per giorno i tuoi sacrifici, le prove di stampa ecc… un lavoro NOTEVOLE. Brava.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: