Recensione – L’Incantatore Oscuro di Heather Fawcett

Genere: Fantasy/Middle_Grade
Editore: Mondadori
Collana: Libri Mondadori per Ragazzi
Pagine: 315

L’Incantatore Oscure è un romanzo Fantasy Middle_Grade autoconclusivo, scritto da Heather Fawcett edito Mondadori per la collana Libri Mondadori per Ragazzi.

“Costretti all’esilio su un’isola incantata che si muove da sola attraverso i mari, l’ex principessa Noa, la sorellina Mite e suo fratello Julian si preparano a reclamare il trono usurpato. Sanno però di non potersi fidare di nessuno, dopo che la madre è stata uccisa da qualcuno molto vicino a loro e, sempre più insistenti, si sono insinuate voci sulla malvagità della regina, i cui oscuri poteri avrebbero corrotto anche i figli. Specialmente Julian, legittimo erede, da tutti conosciuto e temuto come mago più potente del Florean. Spingendosi oltre il velo della Morte, e oltrepassando limiti sconosciuti, sarà proprio Noa a trovare l’arma che i traditori vorrebbero usare contro il fratello. Ma se cercando di salvarlo rischiasse di perderlo per sempre? Una spettacolare avventura fantasy, dall’arguta vena ironica.”

“Noa si guardò indietro prima che la porta si richiudesse alle sue spalle. Per un istante ebbe l’impressione che su Julian aleggiasse un’ombra che estendeva i suoi tentacoli oscuri come per abbracciarlo.”

Buongiorno amici lettori, non sapete quanto sia contento di aver potuto leggere questo romanzo in anteprima. Sapete che sono un amante del Fantasy in ogni sua sfaccettatura, un MiddleGrade era proprio quello che stavo cercando in questo momento e dire che sono stato rapito da questo avvincente romanzo sarebbe riduttivo.

Una settimana dopo la morte della regina di Florean, c’è un brutale attacco al castello e alcuni assassini sono in missione per catturare i tre eredi: Mite, Noa e Julian Marchena. Proprio in quel momento, scoprono la verità sulla morte della madre e che tutto è stato organizzato da Xavier Whitethorn. Un malvagio membro del consiglio che vuole il trono per sé e per mettere tutti contro i Marchena diffondendo false voci sulla sulla defunta regina; definendola malvagia e che il suo potere l’aveva corrotta così come Julian, futuro re. La maggior parte delle persone ci credeva perché i Marchena erano maghi oscuri, maghi che potevano parlare più di una delle nove lingue della magia e intrecciarle in incantesimi complessi. Per salvare le loro vite, i tre ragazzi devono fuggire e così salpano per l’isola di Astrae. Julian, essendo il mago più potente (è l’unica persona che può parlare tutte e nove le lingue) incanta l’isola per mantenerla costantemente in movimento, cosa che aiuterà a nasconderli dai loro nemici. Astrae è una piccola isola in movimento con un castello, un villaggio composto solo da pochi negozi e poche decine di case, un vulcano spento, una foresta di scalesia, scogliere sul mare e una grande spiaggia piena di grotte nere. Oh, ed è custodito da una bestia magica.

Uno dei punti di forza del libro è il rapporto tra i tre fratelli. Julian è molto drammatico e il più potente dei tre. E, essendo il più grande, è molto protettivo nei confronti delle sue sorelle. Ha molte ottime qualità anche se a volte sembra che non riesca a fare la cosa giusta, mette sempre le sue sorelle al primo posto. Anche la piccola, Mite, ha poteri magici, ma spesso fa fatica a gestirli. È una ragazza molto curiosa e ama i suoi animali domestici decisamente atipici e trascorrere del tempo alla ricerca di nuove avventure sull’isola. Noa, la figlia di mezzo e la protagonista principale della storia, non ha poteri magici, motivo spesso della sua gelosia nei confronti dei suoi fratelli. Tuttavia, è una ragazza forte e feroce che spicca per la sua intelligenza, anche se spesso viene trascurata per la sua giovane età. Il suo senso dell’avventura e il desiderio di conoscere la verità e proteggere i suoi fratelli sono ammirevoli. La dinamica tra i tre è molto dolce e accattivante; è ciò che rende la storia unica. Il sistema magico in questo libro era affascinante. Mi piace l’idea che ogni tipo di magia sia un linguaggio. Che chi conosce la magia possa leggerla e capirla. Significa che ci sono così tante possibilità all’interno della magia e si dice anche che ce ne siano molte altre dimenticate da tempo. Mi piacerebbe vedere di più di questo mondo e approfondire ulteriormente il sistema magico poiché ci sono davvero così tante possibilità.

Questo è stato un ottimo libro e lo consiglio vivamente a coloro che cercano un Fantasy Middle_Grade. Sincero, dolce e ricco di azione, L’Incantatore Oscuro offre avventura, magia e forti relazioni familiari, nonché il viaggio alla scoperta del proprio pieno potenziale. In definitiva, mostra uno sguardo unico attraverso le preoccupazioni e le paure di un giovane adolescente e come affronta ciò che sta attraversando. Per quanto sia scritto per lettori più giovani che saranno intrattenuti dalla storia magica e si ritroveranno nei personaggi, può anche essere molto interessante per un pubblico più adulto che vuole solo leggere un bel libro Fantasy con molta azione e un pizzico di umorismo.

Ringrazio Mondadori per avermi permesso di leggere questo incredibile romanzo. Una nuova interessantissima scrittrice tra le schiere della CE. Impeccabile come sempre l’editing, accurata la traduzione è meravigliosa la copertina. Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: