Recensione – Il Sovrano della Notte di Tanith Lee

Genere: High Fantasy
Serie: “Ciclo della Terra Piatta”
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Draghi
Pagine: 215

Il Sovrano della Notte è il primo romanzo High Fantasy della raccolta “Ciclo della Terra Piatta” scritta da Tanith Lee ed edita Mondadori per la Collana Oscar Draghi. Questo Drago comprende tre romanzi; Il Sovrano della Notte, Il Sovrano della Morte e Il Sovrano del Miraggio. I libri sono autoconclusivi e consiglio di leggerli secondo l’ordine proposto, anche se le storie possono essere lette in modo indipendente.

“In dialogo con i capisaldi della letteratura fantastica di tutti i tempi, il “Ciclo della Terra Piatta” (di cui la trilogia qui presentata costituisce l’inizio) ripropone la narrazione di vicende non scontate, ispirate a una sintesi tra modelli prestigiosi quali le leggende della tradizione romantica e le novelle orientali nello stile delle “Mille e una notte”. Le “storie concentriche” della Lee, con i loro vari protagonisti – divini o demoniaci, mortali o immortali – trasferiscono fin dai loro esordi lettrici e lettori nel regno dell’epos e delle fiabe, in cui l’amore implica insospettate crudeltà e la discesa nel regno dei morti può anche ammettere il ritorno tra i vivi.”

«Mi riconosci, mio Sovrano dei Sovrani,» chiese l’anima «o mi hai dimenticato
con la stessa facilità con cui mi hai ucciso? Sono Sivesh, che è affogato nei verdi
oceani del mattino perché mi hai odiato: sono io, che ti ho dato solo amore. Le
mie ossa si sono disfatte sul fondo di quel mare, ma io sono rimasto in questa caricatura di forma umana, poiché anche al cancello amorfo dell’Aldilà, ti amavo ancora, tu che mi hai disconosciuto e ucciso, e il mio amore mi ha legato al mondo.»

Buongiorno amici lettori, quello che vi propongo oggi è un romanzo Fantasy che mi ha lasciato decisamente spiazzato. Conoscevo l’autrice grazie ai diversi premi vinti e sapevo della sua scomparsa dagli scaffali delle nostre librerie, solo leggendola mi sono reso conto dell’enorme mancanza e della “grave” perdita per noi lettori. Questo primo romanzo de “Ciclo della Terra Piatta” mi ha lasciato veramente estasiato, ho apprezzato ogni parte del racconto seppur complesso e non immediato. In qualche modo mi ha ricordato, nonostante la storia è completamente differente, “Il Silmarillion” o ad ogni modo un opera Tolkieniana. Un racconto decisamente fiabesco, anche se le tematiche e la terminologia è a dir poco da fiaba.

Molto tempo fa, quando la Terra era Piatta, bellissimi dei indifferenti vivevano nell’arioso regno della Terra Superiore, curiosi demoni appassionati vivevano nell’esotico regno del Sottosuolo, e i mortali erano relegati a esistere nel mezzo. Azhrarn, Signore dei Demoni e dell’Oscurità, era colui che governava la Notte, e molte vite mortali furono cambiate a causa dei suoi crudeli capricci. Eppure, Azhrarn custodiva nel suo cuore demoniaco un profondo mistero che avrebbe cambiato per sempre il tessuto stesso della Terra. Entra in questo mondo antico di oscurità brillante e bellezza, di palazzi scintillanti e esseri meravigliosi ed eleganti, di passioni crudeli e amore eterno. Scopri la meraviglia esotica che è la Terra Piatta.

Il Sovrano della Notte è un romanzo insolitamente strutturato; composto da tre libri con due parti contenenti tre storie ciascuna (chiaro vero?!). Le due parti in ogni libro sono almeno vagamente collegate, e le tre storie in ogni parte tendono ad essere strettamente collegate anche se non necessariamente seguono sempre lo stesso personaggio. Nonostante sia una raccolta di racconti alquanto disparati, la fine si lega al primo libro e le sotto-storie generali all’interno del romanzo sono collegate attraverso un personaggio. In questo primo libro, Azhrarn Principe dei demoni, ha un ruolo di “protagonista” in ciascuna di esse. In quanto tale, non è un romanzo con una trama chiara/fluida o un personaggio principale centrale (sebbene prominente in tutto il libro, i racconti non sono esclusivamente focalizzati su Azhrarn). Queste storie sono fiabesche, piene di stregoni e magia, re e regine, sacerdoti e sacerdotesse, missioni e morali. I personaggi e i loro obiettivi sono piuttosto semplici, e non tutte le storie hanno un lieto fine: a volte la perseveranza viene premiata, ma altre volte i finali sono agrodolci o tragici.

Considerando che non è un libro con uno sviluppo approfondito del personaggio, sono rimasto sorpreso da quanto mi sia piaciuto leggere Il Sovrano della Notte. È oscuro con una ricca prosa, storie avvincenti e racconti d’inganno. Presenta un personaggio ricorrente che contiene molto di più di ciò che compare a prima vista. Anche se non privo di difetti, l’ho adorato e non vedo l’ora di leggere altri racconti de Il Ciclo della Terra Piatta.

Ci rivediamo il 26 Novembre per la seconda tappa del Review Party con Il Sovrano della Morte.

Ringrazio come sempre Mondadori ed Oscar Draghi per la copia in anteprima e per avere riportato questa formidabile autrice in Italia. Come sempre queste edizioni sono meravigliose, la copertina rigida è bellissima e sono altrettanto splendide le copertine dei singoli romanzi. Mi piace tantissimo l’idea di avere copertine che separino l’inizio del romanzo anche all’interno dei DRAGHI.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: