Recensione – Skandar e il ladro di unicorni di A. F. Steadman

Genere: Fantasy Middle_Grade
Serie: “Skandar”
Editore: Mondadori
Collana: Mondadori per Ragazzi
Pagine: 406

Skandar e il ladro di Unicorni è il primo capitolo della nuova saga Fantasy Middle_Grade scritta da A. F. Steadman edita Mondadori per la collana Mondadori per Ragazzi. Il secondo romanzo è previsto per Aprile 2023.

“Skandar sogna da sempre di diventare un rider, di essere uno dei predestinati ad accedere all’Isola per far schiudere un uovo di unicorno vincolandolo a sé. Questo è infatti l’unico modo in cui le feroci creature, tanto potenti da piegare gli elementi al proprio volere, possono essere domate evitando di trasformarsi in mostri selvaggi e crudeli. Ma proprio quando il sogno di Skandar potrebbe avverarsi, la sua vita prende una piega più pericolosa di quanto avesse immaginato. Un oscuro nemico ha rubato l’unicorno più potente del mondo e il ragazzo scopre un inquietante segreto che potrebbe distruggere il suo futuro. Se Skandar fosse destinato al male, anziché a diventare un eroe? Preparati a vivere un’epica avventura, tra unicorni sanguinari, gare mozzafiato, magia elementale, feroci battaglie in volo e antichi segreti…”

“L’Isola ti reclama, Skandar Smith. Dimentica tutto ciò che ti hanno insegnato: le regole non valgono per te.”

Buongiorno amici lettori, il romanzo che vi propongo oggi è il nuovo incredibile caso editoriale d’esordio per ragazzi (e non!!!) dell’anno. I diritti della saga, sono stati venduti in 38 lingue, è prevista prossimamente l’uscita di un film per Sony Pictures e per questo libro è stato dato l’anticipo più alto mai pagato per un esordio nella letteratura per ragazzi.

Skandar Smith ha sempre desiderato lasciare la terraferma e fuggire sull’isola segreta, dove gli unicorni selvaggi vagano liberi. Ha passato anni a studiare per il suo esame di incubatoio, il test annuale che seleziona una manciata di tredicenni della terraferma per allenarsi per diventare cavalieri di unicorni. Ma il giorno dell’esame di Skandar, le cose vanno terribilmente storte e le sue speranze vanno in frantumi. Tutto questo fino a quando una figura misteriosa a mezzanotte bussa alla sua porta, portando un messaggio: l’isola è in pericolo e Skandar deve rispondere alla sua chiamata. Skandar viene catapultato in un mondo di epiche celestiali battaglie, pericolosi scontri con unicorni selvaggi e voci su un malvagio oscuro che sta riunendo un esercito di unicorni. E più Skandar si avvicina ai suoi nuovi amici e alla comunità di raider, più diventa difficile mantenere i suoi segreti, specialmente quando scopre che le loro vite potrebbero essere tutte in pericolo più grave di quanto avesse mai immaginato.

Mi sento sempre nervoso quando un romanzo d’esordio viene paragonato a libri o serie davvero grandi come Eragon o Percy Jackson. Inoltre, non sembra un confronto equo poiché una delle cose che rende una serie come Eragon o Percy Jackson così memorabile è che avevano una freschezza che altri libri non hanno quando sono paragonati a quelli simili che già esistono. A parte questo, ero pronto a dare una possibilità a SKANDAR E IL LADRO DI UNICORNI. Penso che la cosa che preferisco di questo libro sia il rapporto che Skandar ha con gli altri personaggi. Ho adorato il modo in cui si relazionava con sua sorella e soprattutto con Bobby. Lo sfidavano ad andare oltre ciò che pensava di poter fare e lo supportavano anche quando non era facile. Ha imparato anche a fidarsi di loro e a sostenerli a sua volta. Anche l’unicorno di Skandar, Ribelle, è un personaggio interessante. È volitivo e ha idee davvero specifiche su come lui e Skandar dovrebbero affrontare le sfide che devono intraprendere durante l’allenamento. Inoltre, è piuttosto adorabile in un modo in cui questa è una creatura pericolosa che potrebbe mangiarti. Ah! Per la maggior parte, la trama del romanzo si muove a ritmo costante, ma ci sono alcuni momenti in cui le cose si bloccano un po’. Ci sono stati anche un paio di momenti in cui le cose che sembravano essere dei grandi ostacoli sono state risolte facilmente. Per lo più questo non mi ha infastidito. Penso che ci sarebbe stata più tensione se quelle cose, momenti di tensione, fossero stati un po’ più difficili o più tesi. Un altro tema che mi è piaciuto e che la storia di Skandar ha esplorato ha a che fare con la perdita e il dolore. Sua madre non c’è più e gli manca molto. Suo padre lotta con la depressione e Skandar sente la pressione sia della memoria di sua madre che della salute di suo padre per avere successo come cavaliere di unicorni. Anche un’altra ragazza del suo corso di formazione ha perso il padre. Sia lei che Skandar affrontano cose che sono state dette sui loro genitori o cose che raccontano a se stessi sui loro genitori che scoprono potrebbero non essere vere. Poi devono lottare con il significato di queste cose.

Nel complesso, mi è piaciuto leggere Skandar e il ladro di Unicorni. Mi sono piaciuti i personaggi e ho trovato facile investire nella ricerca per fermare il Tessitore. Ho amato i temi emotivi sul dolore e trovare il coraggio di essere se stessi. Vola in un mondo mozzafiato di eroi e unicorni come non li hai mai visti prima in questo fantastico debutto Middle_Grade perfetto per chi ha amato le serie saghe di Percy Jackson, Hunger Games ed Eragon.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: