Recensione – Draconis Chronicon di Manlio Castagna

Genere: Fantasy Storico per Ragazzi
Editore: Mondadori
Collana: Mondadori per Ragazzi
Pagine: 437

Draconis Chronicon è il nuovo romanzo Fantasy storico per Ragazzi di Manlio Castagna, edito da Mondadori per la Collana Mondadori per Ragazzi.

“Salerno, anno 1066. Un predicatore vaga per le strade annunciando la fine del mondo: «La Bestia si sta risvegliando! Temete il drago, perché il giorno dell’eclisse è vicino!». Il giovane Barliario non presta attenzione alle parole di sventura, ma quella sera stessa il padre Rainardo, alchimista, viene sorpreso da un incendio nel suo laboratorio. Quando lo portano fuori è ancora vivo, ma sfigurato dal fuoco. E mentre Barliario veglia al suo capezzale, compare una figura misteriosa e incappucciata, Arimane, che gli rivela: «Portami il fuoco del drago e Rainardo sarà salvo». Barliario non ha bisogno di pensarci: deve partire. Lo accompagnano l’amico Shabbatai, che sogna di diventare un guerriero, Trotula, giovane studentessa di medicina dall’intelligenza disarmante, Mercuriade, dai misteriosi poteri, e la piccola Ligea, che riesce a parlare con i morti. Tra briganti, licantropi e streghe in grado di scatenare tempeste, un’avventura epica in cui scienza e magia si mescolano: alla ricerca del fuoco del drago, e alla scoperta di se stessi. “

«Dove hai imparato tutte queste cose?» chiese Shabbatai. «A scuola. Studio alla Scuola Medica.» «Tu studi da medico?», si intromise Barliario. «Da medichessa» precisò subito lei.

Buongiorno amici lettori, il romanzo che vi propongo oggi è la nuova MERAVIGLIA di Manlio Castagna. Un romanzo estremamente gradevole, semplice ed indirizzato a più lettori. Un racconto Fantasy storico, ricco di valori e sentimenti.

Le cronache del drago sono delle fandonie ormai perdute nel tempo. Una di quelle storie che vengono narrate di nascosto, bisbigliate dietro gli angoli e tramandate solo a coloro che celano nei loro cuori quelle capacità e perizia, perché certi segreti sono affilati come lame di spade e preziosi come rare gemme dal valore inestimabile.
Da non pronunciare mai ad alta voce. Barliario e il suo amico Shabbatai sono inseparabili. Nella Salerno del 1066, quando la memoria si perde e inizia a prendere sfumature non note ma sfocate, i due ragazzi cercano la loro strada nel mondo. Ai nostri tempi diremmo che sono troppo giovani per farlo, ai loro si trovano all’apice di quell’età che segna la maturità di una persona. Il padre di Shabbatai lo vorrebbe tintore mentre Barliario è figlio di un alchimista e quello che più vuole al mondo è somigliargli. Tra le mura di Salerno, nelle sale della scuola di medicina e nelle stoffe di una delle famiglie più facoltose della città, esiste una ragazza che il mondo conoscerà molto presto: Trocta De Ruggiero ovvero Trotula e con lei c’è Mercuriade la sua amica dalla pelle di ossidiana e figlia della luna. La storia conosce Barliario è uno degli alchimisti più ammantati di fantastico mai conosciuto e Trotula è la medichessa che sfidò la sua condizione di donna e studiò per lenire le malattie femminili e non solo. Quando il padre di Barliario si trova coinvolto in un’esplosione, il mondo del ragazzo viene capovolto. Per salvalo è costretto ad obbedire alla voce di un uomo malvagio e dai modi oscuri: Arimane. Non c’è scelta. Il giovane deve partire, affrontare la Bestia e portare il fuoco del drago fuori dal tempio. Un’impresa estremamente ardua, impossibile. A causa di una serie di coincidente, volute dai ragazzi ma con l’aiuto di un destino canzonatore pronto a metterli alla prova, i quattro giovani partono per un viaggio che sarà irto di pericoli.

Questo romanzo è veramente qualcosa di sublime, un’altra opera degna di nota, l’ennesima vittoria a mani basse da parte Manlio Castagna; ormai un nome e una GARANZIA (trilogia di Petrademone e I Venti del Male per citarne alcune). Draconis Chronicon non è solo un bel Fantasy storico per ragazzi, è anche il racconto di un periodo lontano, oscuro e affascinante, dove magia e scienza erano entrambe reali. Un’avventura in cui storia e leggenda, folklore e fantasia si intrecciano talmente bene che si finisce per credere davvero che da qualche parte un drago riposi ancora. E la storia non finisce qui perché l’ultimo capitolo lascia aperte le porte a un seguito che io sono già pronto a leggere. Come avrete capito sono rimasto estremamente colpito da questo romanzo e lo consiglio a tutti gli amanti del genere Fantasy o lettori che vogliono approcciarsi. 

Come sempre grazie a Mondadori per la copia in anteprima, l’editing accurato, i dettagli, la mappa e la bellissima copertina. Rimossa la sovracoperta sono rimasto incantato dalla copertina a scaglie di DRAGO, magica, racchiude in se il cuore del romanzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: